Il Bar dello Sport

lunedì 19 marzo 2007

Sondaggio: i migliori cascatori

I fratelli Inzaghi in azione.


Diciamocelo, al giorno d'oggi tutti sono buoni a simulare un fallo, quando sei chiuso, quando non sai a chi passare la palla, aspetti il minimo contatto per buttarti, l'hanno fatto anche Gattuso e Materazzi quindi ormai non ci si sorprende più di niente.

Quelli di cui voglio parlare io sono invece i veri fuoriclasse, quelli capaci di risolvere una partita grazie ad un rigore inventato o una punizione dal limite inesistente, i campioni di tuffi.

Negli ultimi 10 anni i fratelli Inzaghi hanno sfoggiato talmente tanto talento da essere riconosciuto anche all'estero, tanti giovani li hanno studiati con ammirazione senza raggiungerne però la classe cristallina. Purtroppo ultimamente non se la passano tanto bene, a Pippo non danno più un rigore da secoli, mentre Simone non stacca mai il deretano dalla panca o dalla tribuna.

Gilardino ha cercato di imparare dal migliore, ore e ore di duro allenamento a Milanello avrebbero fatto sperare in qualcosa di meglio, purtroppo ha compromesso la sua reputazione con il pessimo tuffo con il Celtic, roba da interregionale, un vero spreco di talento, Super Pippo si rivolterebbe nella tomba se fosse morto, per ora lo fa nel letto di qualche letterina.

Rimane quello che considero, al momento, il migliore, il re dell'avvitamento, l'imperatore del carpiato, Pavel Nedved.
Il ceco ha dimostrato che quando si è dei campioni tutti i campi e tutte le partite sono uguali, merita un applauso per i numeri che ci sta regalando anche quest'anno in B. Un Totti qualunque non si sarebbe impegnato nella serie cadetta come il nostro eroe.
Pavel ha pagato per il suo talento, si è sacrificato e ha perso la finale di champions del 2003, ma questo non l'ha fermato, ancora oggi, quando esce dal campo, la sua divisa è sempre la più sporca di erba.


Dopo l'ultimo turno di campionato nutro grandi aspettative in Ibra (che però deve migliorare molto visto che lo ammoniscono per simulazione anche quando subisce fallo) e Rosina, campione di salto in lungo.


E secondo voi quali sono i più grandi cascatori degli ultimi anni?

5 commenti:

Detari ha detto...

Tra i celebri cascatori ricordo la pantegana bionda Klinsmann, famoso per il movimento che precedeva la caduta: arcuava la schiena all'indietro, poi si lasciava cadere come fosse in preda ad una crisi epilettica.
Anche Lulù Barroso Oliveira per un certo periodo è stato in auge in questa specialità, senza raggiungere però la classe dei Veri Maestri.

s.homer ha detto...

Il Barroso! Quanti ricordi....

Eric ha detto...

Da quando il Barroso è al Bilan però ha smesso di cascare.

s.homer ha detto...

Ha proprio smesso di giocare a calcio.

Detari ha detto...

E quel coniglio di Zambrotta? In un Rubentus-Bologna si lascia cadere, dice ai giocatori del Bologna che si è buttato, ma con l'arbitro fa lo gnorri......e aggiungiamo alla lista.....