Il Bar dello Sport

martedì 31 luglio 2007

Come c@$$o si fa!

Da Alice.it

Colpo di scena: Giuseppe Rossi al Villareal
31 07 2007



Italia addio, o per lo meno arrivederci. Giuseppe Rossi, messo sul mercato dal Manchester United e seguito da diversi club italiani, andrà invece a giocare in Spagna, con la maglia del Villareal.

Già in giornata il procuratore dell'attaccante si era dichiarato fiducioso su una rapida conclusione delle trattative. "Su di lui ci sono soprattutto squadre straniere - aveva detto l'agente Federico Pastorello a Radioblu -. Credo proprio che il suo futuro sarà all'estero". Puntuale, l'annuncio.

Rossi si è legato per sei stagioni al Villareal, che ha pagato il suo cartellino 10 milioni di euro ai Red Devils.

Un altro attaccante italiano che sceglie dunque di espatriare dopo Bianchi (Manchester City), Toni (Bayern Monaco), Lucarelli (Shakhtar) e Pellè (AZ Alkmaar).
_______________________

Mi chiedo come sia possibile che NESSUNA squadra italiana si sia degnata di investire 10 milioni per questa promessa che è costata la metà di Oliveira.

Non posso credere che in Italia non ci sia più posto per i pochi giocatori di talento che ci restano, mentre c'è sempre posto per gli scarti, i rifiuti e i ricicli degli altri campionati.

Ma che razza di dirigenti ci sono in Italia? Una volta che si poteva spendere poco e avere qualità non si è operato, sono solo buoni ad andare a comprare i baby talenti degli altri paesi, si ammazzano per Pato che costerà molto più del doppio di Rossi.

Ed intanto il campionato italiano si impoverisce ulteriormente.

Ma tanto si sa che la colpa è solo della diversa tassazione negli altri paesi.

23 commenti:

mervyn ha detto...

Shomer, come un orologio rotto, segni l'ora giusta 2 volte al giorno. :-P

Capisco lamentarsi di Rossi e Oliveira, ma sta nenia dei talenti ti s'è proprio appiccicata addosso, neh... :-P


A.

P.S. Sai dirmi tu se Rossi è davvero il nuovo Baggio o un altro Morfeo (o Pirlow)? :-P

jelem ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
jelem ha detto...

"Rossi è un mio pallino"
(Carlos Biliardo, ex ct Argentina)

:asd:

Scarlet Speedster ha detto...

Il problema è che in Italia non ci sono soldi, neanche 10 milioni di euro, tra le medio/piccole... Le squadre da zona Champions erano tutte già coperte (Fiorentina, Roma, Juventus) e le due milanesi... L'Inter si sa che gli italiani non li vuole vedere manco dipinti sul muro dello spogliatoio (e comunque hanno già 6 attaccanti), e il Milan secondo me si è scottato con l'affare Gilardino, arrivato con credenziali ben superiori a Rossi e rivelatosi non affidabile come si pensava (e quest'anno è alla sua ultima chance per dimostrarsi giocatore da Milan al 100%).

s.homer ha detto...

Mervyn scusa ma quest'anno non abbiamo neanche più i Lucarelli, i Toni e i Bianchi che tanto ti hanno esaltato l'anno scorso.

Vuoi mettere i giocatori che compongono le rose della serie A con quelli degli anni '80 e '90? Dai è lampante che sono rimasti solo pochi campioni in Italia e che i grandi campioni preferiscono andarsene in Spagna o in Inghilterra.

Se poi l'anno prossimo dovessero lasciarci anche Kakà, Ibra e Buffon sarebbe la fine.

Eric ha detto...

Accidenti, sono antinazionalista se io spero che Kakà se ne vada?

Scarlet Speedster ha detto...

Non so Homer, da un lato è vero che stiamo perdendo terreno, dall'altro mi citi quali sono i campioni nelle squadre spagnole escludendo il Barcellona e forse il Real (forse, perché la formazione attuale non mi sembra proprio una all-star), e quelli nelle squadre inglesi che non siano Chelsea e Manchester United? E queste 4 squadre citate sono così tanto superiori nell'organico a Inter e Milan?

mervyn ha detto...

Shomer, su cotesti argumenti sei incorriggibile e piangina ai limiti della decenza: ma ti lamenti dopo un mondiale e una cenziolik dominati da par tuo???? :-P

Guarda, a parte che a me del futbol interessa minga una ceppa (sennò non sarei interista :-P ), sono fiducioso sul futuro: i talenti emergeranno e saranno made in italy o quasi.

Scusa, dove li metti i Gattousow, i Pirlow, i Kakà (esploso in Italia)?

Altri ne verranno e tu godrai come un pazzo, vecchio porcello, alla faccia di Pato, Rossi, Tevez e Luca Rally! :clap:



a.

s.homer ha detto...

Ma guarda che mica faccio il piangina, constato solamente, sono ormai anni che il campionato italiano non è il più ambito, prima il 90% dei più forti giocatori del mondo passavano da noi, ora non più, mi sembra un dato di fatto no?

Ma ve li ricordate i campionati degli anni ottanta e novanta, dove il capitano dell'Inghilterra (Plat) giocava nel Bari, Il Napoli vinceva perché aveva Maradona, Careca, Ferrara, la Samp Vialli e Mancini, il Parma schierava Buffon, Cannavaro, Thuram, Crespo, Veron, il Genoa di Skuravy e Aguilera, la Fiorentina con Batistuta e Ruicosta, l'Udinese con Zico prima e Bierhoff e Amoroso dopo, per non parlare poi delle romane.

Adesso chi c'è al di fuori delle solite grandi (milanesi, Juve e Roma)? La Lazio di Rocchi? La Fiorentina di Toni (venduto)? L'Empoli di Almiron (venduto)? La Reggina di Bianchi (venduto)? Il Livorno di Lucarelli (venduto)?

s.homer ha detto...

Comunque il succo del discorso del pezzo era che è assurdo non avere 10 milioni da investire in un ragazzo che ha dimostrato di valere nel campionato italiano e nella nazionale, per poi vedere le società ammazzarsi per sedicenti fenomeni diciassettenni, strapagare vecchie glorie o cercare giocatori esotici prendendolo regolarmente in quel posto.

Come al solito Mervyn hai guardato il dito invece di vedere la luna che ti indicavo. :-P

Eric ha detto...

C'è da dire che il Napoli aveva Maradona, Careca, etc etc; la Samp Vialli, Mancini, Cerezo, etc etc; il Parma Thuram, Caccavaro, Buffon, Crespo, etc etc; e tutto il resto della roba lì, perché c'erano dei presidenti che mettevano i soldi. Col risultato tra l'altro del crac del Parma, Roma e Lazio che teoricamente dovevano andare in C2 proprio come Napoli e Fiorentina, et similia.

Che poi sia davvero un errore fare fuggire talenti come Giuseppe Rossi (o Quagliarella), siamo d'accordo. Se il Villareal ci sta io farei subito lo scambio per Ciccio Bimbominchia, Recoba, e se insiste gli regalo pure un Rivas e un Coco eccedenza di magazzino.

s.homer ha detto...

Certo, mancano i soldi (finti) e i campioni vanno altrove, negli altri anni mica sceglievano il nostro paese per il sole ed il cibo, forse forse per la presenza di Chas, ma non ne sono sicurissimo.

Chas ha detto...

Bravo Rossi, và a giocare in Spagna così eviterai di fare la fine di Gilardino e Grosso, improvvisamente diventati brocchi da usare per le scatolette.

Bisogna investire soldi e speranze sui giovani...tranne quelli di Bergamo che postano du Comicus e si ritraggono in pose discinte sui letti eccitando vecchi e ingenui satiri col loro virginale candore...

s.homer ha detto...

Ma Eric è quasi un trentenne, quale giovane speranza?

Eric ha detto...

Per qualche giorno ne ho ancora 28. Appena ne ho 29 però mi svincolo con la nuova regola della FIFA.

mervyn ha detto...

"Ferrara, Vialli e Mancini, Buffon, Cannavaro, Thuram, Crespo, Skuravy e Aguilera, la Fiorentina con Batistuta, Bierhoff e Amoroso dopo"


Scusa, sciomér, questi che citi distrattamente o sono prodotti made in italy - che potrebbero sbucare ancora, no? vedi quagliariello e mario rossi... :-P - o sono stragneri misconosciuti che Pozzo, Spinelli e co hanno trovato per strada e portato agli onori della ribalta ini taglia (e anche questo potrebbe risuccedere).

Ci si deve per forza svenare per presunti campioni da sunset boulevard (il Bila ha aspettato la batteria di pentole acciaio inox e la bicicletta con cambio shimano per prendere rognaldo per 5,6, forse 8 miglioni di everi... Rognaldo, mica Mario Rossi...) o per tizi cai semproni qualsiasi solo perchè hanno dimostrato di avere una briciola di talento?

Moratti in 10 anni ha speso l'intero pil del Brasile, ha preso campioncini (secondo lui) alla mariorossi e se l'è presa in quel posto: lo capisco benissimo se non ha investito 10 miglioni sul nuovo morfeo, recoba o pirlow (che ha sfondato come centromediano metodista, ricordiamolo, mentre a 12 anni doveva essere un pizzico più forte di maradona e zico...).



A.

mervyn ha detto...

Piccola chiosa: mi auguro che inter, bila o rube trovino un Casey Stoner qualsiasi, pagato 2 mele, 2 arance e poco più, dominatore incontrastato del mondiale 2007 e demolitore ufficiale delle quotazioni dei presunti campioni della motogp.

Quando il dominatore del mondiale guadagna meno di un apprendista metalmeccanico di bergamo alta, ecco che i Melandri, i Capirossi, i Barros devono abbassarsi la paghetta, se non vogliono restare per strada l'anno prossimo (e rossi uguale, se non si ritira prima).

Ecco, sarebbe bello che scoppiassero un paio di campioncini sottopagati per squadra e si eliminassero certe storture (e lasciamo che vadano ini beria, in isvizzera o ina rabia... :-P ).


A.

s.homer ha detto...

Mervyn non ci capiamo :-P


I discorsi che faccio sono 2:

1) Negli anni '80 e '90 il campionato era ricco di talenti, per di più distribuiti in molte squadre, ora i campioni sono pochi e concentrati.

2) Capirei il tuo discorso se i dirigenti italiani non avessero soldi da spendere, ma vederli sperperare in presunti campioni e non investire in un ragazzo che ha salvato il Parma e ha fatto gli stessi gol di Ronaldo mi fa incazzare.

Il Milan sta sperperando i soldi di Sheva per Oliveira e forse Baptista, quando l'anno scorso con 10 milioni poteva prendere Suazo (senza lasciarlo all'Inter quest'anno), Amauri, Tavano e Rossi adesso. Se non è "ignoranza" calcistica e gestionale questa.

Per finire mi fa incazzare vedere un giovane promessa italiana dover andare in una squadra di secondo livello spagnola perché in Italia nessuno crede in lui.

mervyn ha detto...

1) negli anni 80/90 c'erano tanti soldi finti, tangentopoli e le squadre più allegre hanno pagato a caro prezzo i grilli per la testa dei loro presidenti (per dire, Ernesto Pellegrini non aveva una lira, spendeva quel che riusciva a spendere, non riusciva a competere con Pernacchioni, ma nemmeno cogli agnelli e ha vinto uno scudo solo perchè Diaz e Brehme, arrivati quasi gratis, hanno giocato come divinità prima di svampare per sempre... ).

2) I dirigenti tagliani NON hanno soldi da spendere (l'aroma e l'aladzie, per dire, non hanno nemmeno lagreme pe' chiagne). Chi li ha, ha evidentemente fatto considerazioni di spogliatoio e di bilancio. Magari considerazioni stupide e poco coraggiose, magari delinquenziali, ma non vedo come si possa chiedere di più a Inter e Milan nell'anno in cui hanno vinto cenziolik e scudo dei records. ;-)



A.

P.S. Recoba salvò il Venezia da solo. Eppure. :-P

Eric ha detto...

I metalmeccanici di Bergamo Alta comunque pigliano un botto di soldi.

mervyn ha detto...

Beh, gli apprendisti un po' di meno, però. :-D

Scarlet Speedster ha detto...

Mi inchino alla saggezza del cugino Mervyn.

mervyn ha detto...

Facile farlo adesso, col fenomeno Paco già inserito tra i ranghi del tuo super squadrone! T________T

Chissà se sciomér è ancora tristo...



A. ;-)