Il Bar dello Sport

mercoledì 24 ottobre 2007

Rock 'n' Roll Devils # 3


Kalac
- 7
Grande partita del gigante australiano, che nel momento di difficoltà della squadra chiude la porta in faccia allo Shaktar. Convincente e solido come un brano di certi suoi connazionali. Forse era meglio se il Milan evitava di fare ricorso per la squalifica di Dida...

Oddo e Favalli - 5
Serataccia per i terzini rossoneri. Il primo colleziona errori come fossero figurine Panini, compreso lo svarione che permette a Lucarelli di accorciare le distanze; il secondo, condizionato anche da qualche problema fisico, mostra che gli anni passano per tutti, Milan Lab o meno. Una partita da Paola e Chiara.

Nesta - 6
Fa il suo come sempre, con classe ed eleganza. Ma quando la squadra comincia a ballare in difesa non la prende per mano come dovrebbe. Sufficiente: da uno coi suoi mezzi, però, è lecito aspettarsi di più.

Kaladze - 6,5
Puntuale nelle chiusure e preciso sui palloni alti: per essere appena rientrato da un infortunio, si disimpegna più che bene, però dovrebbe salire di più quando lo Shaktar si avvicina all'area. Comunque, sicuro e affidabile, come una ritmica di Bill Ward.

Gattuso - 6
Il guerriero, sbarbato per l'occasione, gioca a tutto campo come al solito, e si permette anche un paio di passaggi pregevoli in fase offensiva. La partenza è un pò timida, sicuramente ha avuto serate migliori, ma alla distanza è importante come sempre per gli equilibri della squadra, alla Mike Porcaro.

Ambrosini - 6,5
Adesso che è abbastanza vecchio, Milan Lab riesce finalmente a gestirlo, e Ambro macina chilometri e chilometri e mostra a tutti di essere ancora lo splendido giocatore che per troppo tempo è mancato ai rossoneri. Rinato.

Pirlo - 6,5
Inizialmente anche lui fatica un pò per il pressing dei giocatori dello Shaktar, ma tira il perfetto corner su cui Gilardino si avventa per l'1-0 dopo soli 6 minuti. Poi, pur tra alti e bassi confeziona le solite aperture illuminanti. Un pò stanco magari, ma sempre decisivo per il gioco del Milan, tanto quanto lo è nei suoi momenti migliori Steve Harris per il sound degli Iron Maiden.

Seedorf - 8
Migliore in campo. Sale in cattedra con una partita di quelle che ti riconciliano con il calcio, e che ti fanno dimenticare i suoi passaggi a vuoto in un secondo. Due gol splendidi (il secondo quasi fantascientifico), l'assist a Gila per il secondo gol, e tanti altri palloni giocati in maniera sublime. Stasera è un lead singer al livello di Geoff Tate.

Kakà - 6,5
Sbaglia veramente troppo sotto porta, anche se è pure sfigato quando colpisce il palo a botta sicura. Però, semina il panico nella difesa dello Shaktar con le sue accelerazioni; a volte sembra Flash, in procinto di raggiungere la velocità della luce. Meno male che doveva avere dei problemi fisici!

Gilardino - 7,5
E con questa fanno tre. Tre partite di fila giocate bene (con l'Empoli era stato uno dei pochi a salvarsi), con 4 gol complessivi, e quelli di stasera sono anche fondamentali, alla faccia di chi lo accusa di segnare solo gol inutili. Avanti così, Gila. Chissà, forse è arrivato finalmente il tuo momento magico!

Bonera, Serginho, Emerson - S.V.
Fanno la loro parte senza grossi patemi, anche perché la partita è ormai sui giusti binari quando vengono chiamati in causa (il gol del 3-1 arriva che Bonera ha appena messo piede sul terreno di gioco, e gli altri due entrano solo nel finale). Stasera, si limitano a far parte del coro.

2 commenti:

s.homer ha detto...

Un punto in più per Nesta e mezzo in meno per Gattuso e Pirlo e sono pienamente d'accordo.


P.S.
Paola e chiara rullano!

PopArtDejaVu ha detto...

Ambrosini è mancato troppo tempo anche alla nazionale.

Vai Ambro!